WhatsApp 2022: arrivano le Reaction

È programmato per il 2022 un altro importante aggiornamento che rivoluzionerà per sempre il nostro modo di messaggiare all’interno di WhatsApp: arrivano le Reaction.

Sulla scia di Facebook, Instagram, Discord e altri social, verrà data anche agli utenti di WhatsApp la possibilità di reagire ai messaggi nelle chat tramite le emoji.

Come funzioneranno le Reaction?

Da quanto trapelato dagli sviluppatori di WhatsApp, al momento sarà possibile reagire ai messaggi con le classiche sei emoji più utilizzate di sempre.

Ciò non toglie comunque, che in un futuro aggiornamento, potrebbero esserne aggiunte altre.

Le reazioni non saranno anonime.

Selezionando il messaggio e accedendo al menù informazioni, sarà possibile visualizzare chi ha lasciato la singola reazione.

Una tempesta di notifiche! O forse no?

Il Team di WhatsApp ha lavorato nell’ottica di dare la possibilità, a chi non volesse essere disturbato, di diminuire in modo notevole la quantità delle notifiche, grazie alla funzione di Silenziamento delle Reazioni.

Quando le Reaction prenderanno il posto dei classici “messaggi conclusivi di circostanza”, diminuiranno quindi in modo drastico anche il numero di alert da WhatsApp.

Si potranno ricevere notifiche solo per i messaggi più importanti e controllare le reazioni ai nostri messaggi tornando in un secondo momento all’interno della chat.

Quali vantaggi offre ai propri utenti questa nuova funzione?

L’arrivo delle Reazioni nelle chat di WhatsApp porterà ad ogni utente vantaggi da non sottovalutare.

Volgendo lo sguardo al futuro, le reazioni avranno il potere di:

  1. diminuire il numero di notifiche ricevute
  2. diminuire i tempi di risposta ai messaggi
  3. diminuire la lunghezza delle nostre chat

Immaginiamo, ad esempio, di far parte al famigerato gruppo WhatsApp della classe del figlio.

Quando arriverà il momento di accordarsi per decidere le sorti dei propri figli, invece di trovarsi come al solito la chat inondata da messaggi del tipo: “ok”, “per me va bene”, “per me è no” e via dicendo… potremmo finalmente avere una chat pulita, con la sola domanda del rappresentante, completa delle reazioni positive o negative dei genitori.

Un sogno troppo bello per essere vero?

Le Reazioni come possono essere utili alle aziende?

Abbiamo già parlato in un precedente articolo delle Community, che agevoleranno la gestione interna delle comunicazioni aziendali.

Con le Reazioni sarà possibile ricavare dei veri e propri Sondaggi all’interno della propria Community aziendale.

Immaginiamo stavolta di dover mettere ai voti del nostro Team operativo, l’idea per un nuovo progetto.

Potremmo presentare la nostra domanda seguita da una breve Legenda Emoji per le varie opzioni su cui chiediamo un parere:

👍 – Opzione 1

😢 – Opzione 2

😂 – Opzione 3…

Utilizzando le reazioni come parametro di voto, avremo come risultato un Report rapido e ordinato delle opinioni del nostro Team.

Possiamo quindi dire addio alla pioggia di notifiche e alle chat interminabili.

Quali vantaggi può avere WhatsApp nell’implementare le proprie chat con le Reazioni?

Proviamo a riflettere su cosa abbia mosso gli sviluppatori a prendere questa scelta: 

1- Maggior propensione all’utilizzo dell’app – Diminuendo le notifiche, WhatsApp si premura di non disturbare tutta la giornata i propri utenti. Di conseguenza le persone non saranno scocciate ogni minuto da notifiche dell’app come spesso accade. Questo darà un maggior incentivo al suo utilizzo.

2- Minor spazio necessario nei propri Server – Ogni giorno vengono inviati almeno 100 miliardi di messaggi in WhatsApp (agg.2020). Diminuendo in modo drastico i messaggi di risposta, per i suoi due miliardi di utenti, WhatsApp si assicura un grande risparmio di spazio digitale nei propri server e un conseguente minor dispendio di energia. 

3- Un assist alla gestione delle CommunitiesCome descritto in un precedente articolo, saranno presto introdotte le Communities anche su WhatsApp. Per questo motivo l’aggiornamento “Reaction” sarà molto utile nel limitare notifiche derivanti dai vari gruppi presenti nelle Communities.

4 – Maggior coinvolgimento grazie all’Effetto Dopamina Quando riceviamo un like, il nostro cervello lo interpreta come una ricompensa e rilascia una “scarica” di dopamina nel nostro corpo. La dopamina ha il potere di aumentare temporaneamente il nostro senso del piacere, portandoci all’assuefazione e alla dipendenza da questo tipo di sensazione. Per questo motivo l’introduzione delle Reazioni porterà ad un maggior coinvolgimento degli utenti anche a livello neuronale e biochimico verso l’app stessa.

L’ascesa di WhatsApp

Con l’arrivo di tutte queste nuove funzioni e aggiornamenti orientati all’esperienza utente e all’efficienza, si prevede un ulteriore aumento dei download dell’app.

WhatsApp vuole quindi arrivare negli smartphone di quei pochi irriducibili che ancora resistono al suo fascino.

Per quel che riguarda l’Italia stiamo parlando del restante 16% di utenti che utilizza Internet da smartphone e non hanno ancora installato l’app.

Se nel 2021 WhatsApp ha raggiunto il traguardo dei 2 miliardi di utenti nel mondo, quali altri limiti supererà a fine 2022?

Potrebbero interessarti questi contenuti...

Strategie di utlizzo di WhatsApp

Il Copywriting su WhatsApp

C’è un aspetto del Marketing Conversazionale di cui non si parla mai, ma che mi sta a cuore: il Copywriting applicato a WhatsApp. Si tratta,

Vai a Leggere
Riccardo Girardi
Riccardo Girardi

Seguimi sui miei canali social